Diagnostica per Immagini

ECOGRAFIA - ECOCOLORDOPPLER - ELETTROMIOGRAFIA

SportingMed  esegue esami di ecografia, ecocolordoppler ed elettromiografia con apparecchiature ad alta tecnologia e di ultima generazione

 

Ecografia – Ecocolordoppler

L’ecografia e l’ecocolordoppler sono esami diagnostici che si sono molto evoluti nel corso degli anni e vengono oggi utilizzati in svariati ambiti diagnostici fornendo importantissime informazioni riguardanti:

  • strutture superficiali (cute, sottocute);
  • viscerale (addome completo, tiroide);
  • misurazione dei flussi (ecodoppler);
  • diagnosi di patologie muscolo-scheletriche (es. lesioni muscolo-tendinee, articolazioni ).

 

Cos’è

È una tecnica di imaging che, attraverso un fascio di ultrasuoni, è in grado di fornire informazioni diagnostiche (forma, dimensioni, struttura, ecc.) di organi e apparati.

 

Come funziona

L’immagine ecografica si realizza attraverso una sonda che genera fasci di ultrasuoni e ne riceve gli echi di ritorno che vengono poi trasformati in un immagine visibile in uno schermo.

 

Vantaggi

L’ecografia è un esame non invasivo, totalmente innocuo e per questo ripetibile più volte.

L’esame si inserisce di solito in un percorso di diagnosi più ampio e in alcuni casi può essere affiancato da altri esami per avere maggiori informazioni sulla problematica da indagare.

 

Presso SportingMed è possibile eseguire le seguenti indagini:

  • ECOGRAFIA MUSCOLO-TENDINEA
  • ECOGRAFIA ADDOMINALE COMPLETO     
      

  • ECOGRAFIA TIROIDE

 

  • INFILTRAZIONI ECOGUIDATE

    
      


  • ECO DOPPLER DEI TRONCHI SOVRA-ORTICI  
  

  • ECOCOLORDOPPLER ARTERIOSO ARTI SUPERIORI  
  

  • ECOCOLORDOPPLER ARTERIOSO ARTI INFERIORI  
  

  • ECOCOLORDOPPLER VENOSO ARTI SUPERIORI
  • ECOCOLORDOPPLER VEN
OSO ARTI INFERIORI
  • ECOCOLORDOPPLER VASCOLARE ADDOMINALE

 

 

 

ELETTROMIOGRAFIA – EMG

Cos’è:

L’elettromiografia, detta anche “EMG”, è un esame diagnostico utile per la diagnosi delle malattie dei nervi (es. neuropatie) e dei muscoli (es. miopatie). Con il termine “elettromiografia” si intende in generale la misurazione delle “velocità di conduzione” ed è detta anche  “elettroneurografia” (“ENG”).

 

Come funziona:

La misurazione della velocità di conduzione prevede l’utilizzo di stimoli elettrici somministrati quasi sempre con elettrodi che si appoggiano sulla cute (“elettrodi di superficie”) al di sopra dei nervi e la registrazione delle risposte, che viaggiano lungo i nervi appunto, tramite altri elettrodi di superficie oppure, in alcuni casi, tramite aghi sottocutanei.

L’elettromiografia ad ago prevede l’utilizzo di aghi più o meno lunghi (in relazione alla dimensione del muscolo), che il medico inserisce nei muscoli da studiare per registrarne l’attività sia a muscolo rilassato che durante contrazione.

 

Vantaggi:

L’elettromiografia è un esame di tipo funzionale, cioè indaga la funzione del nervo o del muscolo. Con questo esame possiamo per esempio sapere se un nervo conduce male ed in che punto conduce male. L’esame non ci dice però se il problema è dovuto ad un’infiammazione, ad una compressione oppure ad altro.

Per questo è importante tener presente che l’elettromiografia non sempre è in grado di precisare una diagnosi; in taluni casi è necessario perciò eseguire, ad integrazione, altri esami come RMN e TAC.